COME SALVARE IL PIANETA: ECCO IL DECALOGO PER L’AMBIENTE

Ciascuno di noi può fare qualcosa per salvare il pianeta in cui viviamo: bastano pochi accorgimenti. I cambiamenti climatici sono ormai una realtà e stanno già provocando fenomeni di frequenza e intensità mai visti prima. Neanche il riscaldamento globale è una novità. Questi fenomeni non si limitano a incidere sull’ambiente circostante, ma determinano spesso sofferenze, morti e in generale uno sconvolgimento degli ecosistemi e della ricchezza di biodiversità che sostengono la nostra vita. Se continueremo a bruciare combustibili fossili o a distruggere le foreste, contribuiremo a distruggere anche il nostro futuro.

10 COSE DA FARE PER SALVARE L’AMBIENTE

Quali sono le azioni concrete che ciascuno può attuare per preservare la nostra terra? Si tratta di piccole azioni, vediamole nel dettaglio.

  • Mangiare bene e ridurre gli sprechi alimentari: secondo le stime Fao, ogni anno si spreca un terzo del cibo prodotto. Di questi sprechi alimentari, oltre il 40%, avviene tra le mura domestiche, il resto in fase di produzione o distribuzione. Per ridurre gli sprechi è opportuno acquistare cibi con scadenza corta e prodotti locali e stagionali;
  • Piantare alberi: in quanto gli alberi assorbono anidride carbonica (CO2), responsabile dell'effetto serra e quindi del riscaldamento globale e dei cambiamenti climatici;
  • Attuare una mobilità sostenibile: il 60% delle emissioni di gas serra in Europa deriva dal traffico dei veicoli. Si consiglia quindi di muoversi in bici e di ridurre allo stretto indispensabile l’utilizzo di auto o optare eventualmente per veicoli elettrici. Anche i mezzi pubblici possono essere una soluzione. Come dice Papa Francesco «La qualità della vita nelle città è legata in larga parte ai trasporti. Nelle città circolano molte automobili utilizzate da una o due persone, per cui il traffico diventa intenso, si alza il livello d'inquinamento, si consumano enormi quantità di energia non rinnovabile e diventa necessaria la costruzione di più strade e parcheggi, che danneggiano il tessuto urbano»;
  • Ridurre il consumo di carne: il 25-30% delle emissioni di gas serra viene emesso dalle produzioni alimentari e il 60% di questa percentuale è a sua volta legato alla produzione di carne bovina. Inoltre, gli allevamenti determinano un consumo di miliardi di litri d’acqua per il foraggio;
  • Riciclare: questo vale non solo con riferimento alla raccolta differenziata per la plastica, il vetro, la carta o l’alluminio… pensiamo infatti a quanti oggetti buttiamo perché guasti: elettrodomestici, dispositivi informatici o anche oggetti di sartoria ecc. Riparare e riciclare giova non solo all’ambiente ma anche al nostro portafoglio! Lo stesso discorso vale per i vestiti, dato che, ad esempio, per fabbricare un paio di jeans servono 10 mila litri di acqua. E quindi ricorda le 3 R: “ripara, ricicla e riutilizza”;
  • Fare acquisti intelligenti: ad esempio, comprare merce locale ridurrebbe le spedizioni per le importazioni e le esportazioni, con conseguente risparmio anche dei carburanti. Ancora, sarebbe opportuno sostenere prodotti e industrie con soluzioni eco-friendly e durature, favorendo la trasformazione green dell’economia;
  • Evitare lo spreco: è un discorso generale, che può valere ad esempio sia per lo spreco di acqua che per quello della luce. Pensiamo a quante volte facciamo scorrere l’acqua nell’attesa che diventi calda per poterci fare una bella doccia rilassante, o a quante volte lasciamo il rubinetto aperto mentre laviamo i piatti. Pensiamo ancora a quando lasciamo diverse luci accese in casa, pur non avendo il dono dell’ubiquità o a quante volte ci dimentichiamo di staccare le spine, pensando erroneamente che non si consuma energia se non c’è nessun dispositivo in carica. Basta sapere, a tal proposito, che il 10% dell’energia dei nostri elettrodomestici è consumata in “stand by”;
  • Optare per l’energia pulita: scegliendo un fornitore di elettricità che utilizzi energia da fonti rinnovabili e non fossili, acquistando lampadine a risparmio energetico ed elettrodomestici più efficienti dotati di modalità eco;
  • Fare investimenti etici: l’installazione di pannelli solari, fotovoltaici e mini generatori eolici per l’energia rappresenta un investimento intelligente, oltre che etico in quanto rispettoso dell’ambiente;
  • Informarsi: oggi per diventare attivista non è necessario compiere gesti eclatanti (come ad esempio incatenarsi agli alberi o alle baleniere nell’oceano!). Basta impegnarsi per acquisire una maggiore consapevolezza sul tema, per poter poi essere in grado di sensibilizzare amici e parenti su queste tematiche. Può essere utile in tal senso anche avvicinarsi alle associazioni che già da anni affrontano queste tematiche.

IL FRIDAY FOR FUTURE

Lo scorso 27 settembre si è tenuto il terzo sciopero globale per il futuro: tutto il mondo è sceso in piazza per spingere i governi nazionali a prendere coscienza della crisi climatica e a pianificare le prossime mosse per rispondere a questa emergenza.

Il Fridays for Future è un movimento studentesco globale, nato in risposta all’attivismo di Greta Thunberg.
Il movimento prende nome dall’iniziativa di questa ragazza svedese di scendere in campo ogni venerdì, dall’agosto del 2018, per manifestare davanti al parlamento della sua nazione e protestare per l’assenza di politiche concrete contro il cambiamento climatico, spinta dall’obiettivo di stimolare il governo svedese a tagliare le emissioni di CO2 del 15% ogni anno. Grazie a questa sua iniziativa, Greta Thunberg è stata invitata alla COP24 in Polonia, dove ha tenuto un discorso che ha fatto il giro del mondo. Il Friday for Future nasce da una mobilitazione globale spontanea, in risposta a quell’intervento alla COP24. A sostegno del movimento è anche il WWF.

Cambiare il proprio stile di vita non è facile ma è importante. Purtroppo viviamo nella società del pieno consumismo. Consumiamo troppo, quindi d’ora in poi dobbiamo avere una nuova parola d’ordine: ridurre! Ridurre gli sprechi, ridurre i consumi, ridurre le sostanze nocive… Attenendoci al decalogo per l’ambiente contribuiremo a salvare il pianeta.

Inizia a contribuire anche tu, scegliendo le fonti di energia rinnovabile!

Condividi questa notizia:

Condividi su email
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp